L’Autorità garante al ministro Fontana: “Riavviare gli Osservatori nazionali”

Riavviare i lavori dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, dell’Osservatorio nazionale sulla famiglia e dell’Osservatorio nazionale per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile. È quanto ha chiesto, con una nota, l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza al ministro per la famiglia e la disabilità, Lorenzo Fontana.

“Sono osservatori – osserva la Garante Filomena Albano – per i quali è importante mantenere per ciascuno la propria specificità e che hanno, ciascuno, un ruolo fondamentale nella programmazione e nel monitoraggio degli interventi per le persone di minore età. Inoltre, proprio a febbraio, il Comitato delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia ha chiesto, nelle raccomandazioni seguite alla relazione periodica dell’Italia, che sia rafforzato il ruolo dell’Osservatorio nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, munendolo di risorse umane, tecniche e finanziarie”.

“Confido nella sensibilità del ministro Fontana – conclude la Garante – perché si arrivi a una celere ripresa dei lavori e lo ringrazio, sin da ora, per le azioni che vorrà porre in essere alla luce delle deleghe attribuitegli”.  L’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza, pur nel suo ruolo di organo super partes, partecipa in qualità di invitato permanente ai lavori di tutti e tre gli osservatori.