Istituzione

Nel 1991 l’Italia ha assunto un impegno fondamentale nella storia dei diritti di bambini e adolescenti ratificando la Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza. Primo testo internazionale vincolante in materia, la Convenzione costituisce un grande traguardo per la tutela e la promozione dei diritti delle persone di minore età che, fino ad un secolo prima, non trovavano alcuna protezione giuridica. Strumento entrato in vigore in tempi record e ratificato dal maggior numero di Stati al mondo (attualmente 196 Stati), rappresenta il primo testo che proclama insieme i diritti civili e politici con quelli economici, sociali e culturali e che riconosce esplicitamente i bambini e gli adolescenti come titolari attivi dei propri diritti. I suoi principi-guida sono l’interesse superiore e la non discriminazione di bambini e adolescenti, che pongono le basi per poter garantire tutti gli altri diritti di cui sono titolari le persone di minore età.

Per assicurare a livello nazionale la piena attuazione e la tutela dei diritti dei bambini e degli adolescenti secondo le disposizioni della Convenzione, la legge n. 112 del 12 luglio 2011 ha istituito l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza. Come sancito dalla legge (art. 3 comma 1, lett. a) l’Autorità “promuove l’attuazione della Convenzione di New York e degli altri strumenti internazionali in materia di promozione e di tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, la piena applicazione della normativa europea e nazionale vigente in materia di promozione della tutela dell’infanzia e dell’adolescenza, nonché del diritto della persona di minore età ad essere accolta ed educata prioritariamente nella propria famiglia e, se necessario, in un altro ambito familiare di appoggio o sostitutivo”. Istituzione dotata di poteri autonomi di organizzazione e indipendenza amministrativa e senza vincoli di subordinazione gerarchica, l’Autorità garante è un organo monocratico. Dal 14 gennaio 2021 la guida Carla Garlatti, magistrato.

Per raggiungere le finalità generali di promozione e tutela dei diritti e degli interessi delle persone di minore età, l’Autorità garante svolge compiti eterogenei. Parlamento e Governo sono alcuni dei suoi interlocutori e numerose collaborazioni, sia a livello nazionale (Ministeri, Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza, Osservatorio nazionale per l’infanzia e l’adolescenza, garanti delle Regioni e delle Province autonome, organizzazioni no profit, Università ed altri), che internazionale (Rete europea dei garanti per l’infanzia - ENOC, Comitato europeo ad hoc per i diritti dei minori - CAHENF ed altri), le permettono non solo di intervenire in materia, ma anche di svolgere un ruolo rilevante di indirizzo e sensibilizzazione nei confronti delle istituzioni politiche.

Notizie correlate

19/06/2024

In diretta da Montecitorio in streaming e su Rai Parlamento (Rai 3 - ore 17) alla presenza del Presidente della Repubblica e del Presidente della

19/06/2024

La scadenza per la presentazione delle domande è stata fissata dall’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza al 22 luglio ore 12.

20/06/2024

Relazione al Parlamento, l'esortazione di Agia: “L’Italia metta al centro i diritti di bambini e adolescenti”

20/06/2024

Un resoconto sulle attività, i progetti e le iniziative posti in essere nel corso dell'anno passato.

20/06/2024

Carla Garlatti: “Vogliamo offrire più punti di vista, anche diversi dai nostri. L’importante sarà attivare un confronto.

31/05/2024

Possono partecipare soggetti di diritto privato non profit. Termine per la presentazione delle domande entro e non oltre il 30 giugno.

21/03/2024

Confronto a Roma tra Garlatti e Locatelli. Sollecitato un focus sull'entità del fenomeno dei minori vittime di bullismo.

15/03/2024

La procedura mira a raccogliere l’adesione di 13 scuole secondarie di primo e secondo grado. Il termine è fissato alle ore 12 del 25 marzo.

12/03/2024

Possono aderire fino a 30 scuole. Termine al 20 marzo. Le indicazioni sono contenute nella sezione Amministrazione trasparente.

26/02/2024

L’iniziativa è rivolta a 30 scuole primarie, che possono aderire seguendo le indicazioni contenute nella sezione Amministrazione trasparente.