DATI STATISTICI: Link istituzionali ai quali fare riferimento per attingere informazioni e dati utili riguardo le persone di minore età.

DATI STATISTICI

Link istituzionali ai quali fare riferimento per attingere informazioni e dati utili riguardo le persone di minore età.

 

Link Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali.

Sito istituzionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali competente istituzionalmente in merito ai minori stranieri non accompagnati e ai minori fuori famiglia in generale.

Nei link si trovano dati ed informazioni ed i riferimenti telefonici nonché i referenti da contattare.

 

Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche di integrazione

http://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/immigrazione/focus-on/minori-stranieri/Pagine/default.aspx

 

Direzione Generale per l'inclusione e le politiche sociali

http://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/infanzia-e-adolescenza/focus-on/minorenni-fuori-famiglia/Pagine/default.aspx.

 

 

Link Ministero dell’Interno.

Sito istituzionale del Ministero dell’Interno – Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione competente istituzionalmente in merito alla prima accoglienza dei minori stranieri non accompagnati

Nei link sono rappresentati i dati relativi al fenomeno degli sbarchi e l'accoglienza dei migranti presso le strutture gestite dalla Direzione Centrale dei servizi civili per l'immigrazione e l'asilo

http://www.libertaciviliimmigrazione.dlci.interno.gov.it/it/documentazio...

 

Link Ministero della Giustizia.

Sito istituzionale del Ministero della Giustizia - Dipartimento per la giustizia minorile e di comunità - Ufficio I del Capo Dipartimento Servizio Statistica. In tale sito vengono forniti i dati statistici sui Servizi della giustizia minorile aggiornati. Questa analisi statistica è pensata per fornire un quadro sintetico e aggiornato sui minori autori di reato in carico ai Servizi della giustizia minorile:

• gli Uffici di Servizio Sociale per i minorenni (USSM), che seguono i minori in tutte le fasi del procedimento penale, in particolare nell’attuazione dei provvedimenti giudiziari che non comportano una limitazione totale della libertà;

• i Servizi minorili residenziali: ◦ i Centri di prima accoglienza (CPA), che ospitano temporaneamente i minori arrestati, fermati o accompagnati a seguito di flagranza di reato;

◦ le Comunità, ministeriali e del privato sociale, in cui sono collocati i minori sottoposti alla specifica misura cautelare prevista dall’art.22 del D.P.R.448/88 (collocamento in comunità);

◦ gli Istituti penali per i minorenni (IPM), che accolgono i minori detenuti in custodia cautelare o in esecuzione di pena.

Nel link si trovano dati ed informazioni ed i riferimenti telefonici nonché i referenti da contattare.

https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=0ahUKEwj8lMuRvIXRAhXLvxQKHcLgAvMQFggfMAE&url=https%3A%2F%2Fgiustizia.it%2Fgiustizia%2Fit%2Fmg_1_14_1.page%3Bjsessionid%3DA-8gbXb%2BCdydWiPtarscTEoP%3FfacetNode_1%3D2_4%26contentId%3DSST1277612%26previsiousPage%3Dmg_1_14&usg=AFQjCNFQ2GwSdxyhz5FiuA_N_9iMdA8Fcw

 

Link Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari opportunità.

Sito istituzionale del dipartimento per le pari opportunità. Tra le sue competenze istituzionali rientra l'acquisizione e l'organizzazione di informazioni, anche attraverso banche dati, nonché la promozione di iniziative conseguenti, in ordine alle materie della prevenzione, assistenza e tutela dei minori dallo sfruttamento e dall'abuso sessuale dei minori oggetto della delega di funzioni al Ministro di cui all'art.2, comma 1, del D.p.c.m. 14 febbraio 2002;

 

Presso il Dipartimento è istituito L’Osservatorio per il contrasto della pedofilia e della pornografia minorile presieduto dal Capo del Dipartimento per le pari opportunità e composto da cinque componenti designati dalla Ministra per le pari opportunità, di cui un Coordinatore tecnico-scientifico, un rappresentante rispettivamente del Dipartimento per le Politiche della Famiglia, della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, dai rappresentanti del Ministero della Giustizia, nonché da quattro componenti designati dalle associazioni nazionali maggiormente rappresentative nel settore della lotta al fenomeno dell’abuso e dello sfruttamento sessuale in danno di minori, quali Telefono Azzurro, Save The Children, Terre des Hommes e Meter.

 

Presso l’Osservatorio è inoltre istituita una banca dati volta ad organizzare in modo sistematico il patrimonio informativo proveniente dalle diverse amministrazioni per il monitoraggio del fenomeno e delle azioni di prevenzione e repressione ad esso collegate.

http://www.pariopportunita.gov.it/contrasto-pedofilia-e-pornografia-minorile/#

Nel link si trovano dati ed informazioni ed i riferimenti telefonici nonché i referenti da contattare.

 

Link Ministero dell’istruzione, dell’Università e della Ricerca.

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/ministero/amministrazione_trasparente/dpcm2014/dip-istruzione

 

Link di accesso al “Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e di formazione” del MIUR, il cui Ufficio II è competente in materia di “Diritto allo studio e servizi alle famiglie” e di “Promozione dello status dello studente della scuola e della sua condizione”.

http://hubmiur.pubblica.istruzione.it/web/istruzione/intercultura

 

Link di accesso alla pagina della "Direzione Generale per lo studente, l'Integrazione, la partecipazione e la comunicazione" del MIUR, in cui sono contenute informazioni relative alle attività e alle iniziative del MIUR finalizzate a garantire la piena integrazione degli alunni con cittadinanza non italiana.

 

Nei link si trovano dati ed informazioni ed i riferimenti telefonici nonché i referenti da contattare.

 

Si segnale che la medesima Direzione Generale svolge anche le funzioni di segreteria all’Osservatorio Nazionale per l’integrazione degli alunni stranieri e per l’educazione all’intercultura, organo istituito con DM n. 718 del 5 settembre 2014, che si occupa di individuare soluzioni concrete per garantire l’adeguamento delle politiche di integrazione scolastiche alle reali esigenze di una società sempre più multiculturale.

 

 

Link ISTAT

Dati Istat sulle condizioni di vita e il reddito delle famiglie. Nel report viene evidenziato che le persone più a rischio di povertà o esclusione sociale sono quelle che vivono in famiglie con cinque o più componenti e che il rischio di povertà aumenta se si tratta di famiglie con tre o più minori.

http://www.istat.it/it/archivio/193650

 

Allegato statistico dell’Istituto nazionale di statistica all’audizione del Presidente Giorgio Alleva alla XI Commissione "Lavoro, previdenza sociale" del Senato della Repubblica resa lo scorso 8 novembre 2016. L’allegato fotografa l’incidenza della povertà assoluta per caratteristiche della famiglia - Anno 2015 -(tavola 4), i minori in condizione di povertà assoluta - Anni 2005-2015 - (Tavola 8), l’incidenza di povertà assoluta tra le famiglie con figli minori - Anni 2005-2015 (Tavola 9), i minori e le famiglie con minori in povertà assoluta per ripartizione geografica e cittadinanza - Anno 2015 - (Tavola 10)

 

http://www.istat.it/it/files/2016/11/B-ALLEGATO-STATISTICO_8-NOVEMBRE-2016_v1.pdf?title=Contrasto+alla+povert%C3%A0+-+09%2Fnov%2F2016+-+Allegato+statistico.pdf