EDITORIALE

Lettera al Presidente Renzi

<p>Caro Presidente, come saprà oggi ho presentato la Relazione al Parlamento, come chiede la nostra legge istitutiva: &nbsp;un momento prezioso di riflessione e analisi. Quest’ anno il titolo che abbiamo individuato è stato il seguente: “Crisi, diritti, responsabilità. C’è un’altra Italia da costruire insieme”. Vorrei partire da qui per farLe capire lo spirito di questa lettera e quale sia il motore che muove l’Autorità da me presieduta.&nbsp;</p>

<p>Crisi: è inutile negare che non ci sia e che non condizioni scelte, destini e l’agire quotidiano.</p>

<p>Diritti: sono sempre rispettati, soprattutto quelli di chi ha meno di 18 anni? La risposta è purtroppo negativa, come dimostrano anche i tanti casi di cronaca.</p>

<p>Responsabilità: siamo noi adulti a creare le condizioni perché i nostri figli e nipoti crescano in un Paese civile, e crescano al meglio rispettati nei propri bisogni primari e siano educati al senso dello Stato e del collettivo. Il terzo settore sta svolgendo un ruolo fondamentale di tutela dei diritti degli under 18, ma non può e non deve supplire lo Stato; senza contare che le risorse ridotte lo stanno mettendo a dura prova. &nbsp;&nbsp;&nbsp;</p>

<p>Ma c’è per fortuna “L’altra Italia da costruire insieme”, per la quale occorrono scelte incisive e molta, molta più attenzione al mondo di bambini e adolescenti.</p>

<p>Per questo Le chiedo di convocare e presiedere quanto prima una riunione di lavoro straordinaria a Palazzo Chigi: un vertice con i Ministri, i Sottosegretari, i capi Dipartimento competenti, un luogo cioè di definizione delle priorità delle azioni di Governo e di coordinamento di tutte le politiche che riguardino i minorenni.</p>

<p>Vorrei tanto che mettesse in questa materia “sensibile” la stessa determinazione che caratterizza il suo agire e che Le riconoscono molti milioni di italiani. Vorrei che l’Europa di cui molto si parla in questi giorni e con la quale il suo Governo giustamente si misura, sia anche l’Europa dei diritti concentrata a combattere povertà, abbandono scolastico, violazioni dei diritti. Parte delle risorse di&nbsp; fonte europea possono e devono essere destinate all’infanzia e all’adolescenza, monitorando l’efficacia della spesa.</p>

<p>Fiducioso di avere presto una risposta concreta, Le auguro buon lavoro per il difficile compito che si è assunto.</p>

<p><em>Roma, 11 aprile 2014</em></p>