Il 28 aprile 2016 è iniziata la mia nuova esperienza come Autorità Garante per l’infanzia e l’adolescenza.

<p>Sono grata al Presidente del Senato, Pietro Grasso, e alla Presidente della Camera, Laura Boldrini, per la fiducia che mi hanno accordato nominandomi alla guida di questa Autorità, che si occupa di assicurare la piena attuazione e la tutela dei diritti e degli interessi delle persone di minore età. Ringrazio il mio predecessore Vincenzo Spadafora per il lavoro svolto in questi anni e fino ad oggi in regime di prorogatio.</p>

<p>Ho accolto questa sfida, nuova nella mia formazione professionale di magistrato, ma in continuità con l’impegno pregresso nel mondo della famiglia, dei minori e della adozione, perché sono consapevole che l’investimento migliore che può fare l’Italia è quello sui bambini e gli adolescenti, protagonisti del presente e del futuro del Paese.</p>

<p>So bene che nell'assolvere al delicato compito che mi è stato affidato e che mi accingo a svolgere sono fondamentali la determinazione e la passione.</p>

<p>Ma altrettanto importante è la collaborazione con il mondo delle associazioni, delle organizzazioni, dei professionisti, degli esperti, e degli enti che a livello locale, nazionale ed internazionale sono impegnati nella tutela delle persone di minore età.</p>

<p>Tanto più riusciremo a creare sinergie e fare rete, tanto meglio svolgeremo il nostro ruolo. Mi rivolgo a tutti voi che leggete questo sito per sviluppare quella cooperazione di cui abbiamo bisogno e per ottimizzare le risorse in vista di un risultato comune.</p>

<p>Mi rivolgo specie a voi, bambine, bambini e adolescenti, perché mi possiate aiutare a cogliere le tante situazioni per le quali è richiesto il mio intervento.</p>

<p>Mi attende una sfida entusiasmante, sia dal punto di vista professionale che umano, un percorso che mi auguro di condividere con tutti voi.</p>