10
Novembre
2017

L’Ufficio dell’Autorità garante a Bruxelles per il Forum europeo su detenzione minori

L’Ufficio dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza ha partecipato, il 7 e 8 novembre scorsi, allo European Forum on the rights of the child, dedicato quest’anno al tema dei minori privati della libertà personale e alle misure alternative alla detenzione (Children deprived of their liberty and alternatives to detention).

Principio guida dei lavori del Forum – a cui hanno preso parte circa 350 persone, in rappresentanza dei 28 Stati membri dell’Unione europea e di paesi non Ue – è stata la considerazione che a tutti i bambini deve essere garantito il diritto alla libertà. L’iniziativa segna un primo passo in attuazione della Direttiva 800/2016 del Parlamento europeo e del Consiglio europeo che contiene disposizioni in materia di garanzie procedurali per i minori indagati o imputati nei procedimenti penali.

Durante i lavori della sessione plenaria sono stati ribaditi tre principi fondamentali: la detenzione per motivi di immigrazione deve essere vietata, la detenzione dei minori deve costituire extrema ratio e per tanto vanno favorite le misure alternative, i minori devono sempre essere ascoltati in tutte le questioni che li riguardano.

L’Ufficio dell’Autorità garante ha sottolineato la particolare attenzione che viene prestata ai “vulnerabili tra i vulnerabili”. Ha poi riferito che il protocollo d’intesa sottoscritto dal Ministero della Giustizia, dall’Autorità garante e dall’associazione Bambinisenzasbarre Onlus - finalizzato a tutelare il rapporto tra il minore e il genitore in carcere - è stato tradotto in lingua inglese e trasmesso all’Enoc per assicurarne la più ampia diffusione. Nell’occasione il rappresentante della Croazia ha annunciato che quel Paese sta lavorando alla predisposizione di un protocollo ispirato al modello italiano.

Articoli correlati